Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Biografia

Carlo Carnevali nasce a Colombella di Perugia, nella casa rondinaia del vocabolo Molinacio, giovedì 30 maggio 1951.

Le sue esperienze artistiche iniziano nei primi anni Settanta, quando incontra a Milano Franco Azzinari,   con il quale stringe un’amicizia che lo porterà in breve tempo a interessarsi con passione all’arte, iniziando lo studio del disegno e delle tecniche pittoriche.

Dal 1974  è presente in numerose mostre collettive e successivamente si mette in luce in mostre personali che testimoniamo da subito esiti felici di una attenta ricerca. La sua esigenza di approfondimento dell’arte lo porta a iscriversi nel 1980 all’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, dove nel 1984   si diploma in pittura con una tesi sperimentale dal titolo “Studio dell’arte rupestre con particolare riguardo alle impronte e cancellazioni X del periodo Aurignaziano”. I suoi Maestri di pittura sono Nuvolo (Giorgio Ascani) e Antonio Gatto, ma si rivelano determinanti per il completamento della sua formazione e successivamente per il suo percorso artistico, anche Bruno Corà e Aldo Iori.

Dal 1985 inizia una serie di viaggi studio: Bologna, Napoli, Milano, Tarragona, Barcellona, che gli consentono di stringere e coltivare continui rapporti con importanti artisti, tra i quali  Antoni Tàpies del quale studia approfonditamente le opere, la tecnica, i materiali (carta, gesso, legno, stoffe, fuliggine), lavoro preziosissimo  che determinerà scelte fondamentali nell’utilizzo della materia-colore che Carnevali inizia a maturare. Sono questi, anni ricchi di stimoli, di contatti e di frequenti esperienze artistiche condivise anche con centri culturali e associazioni: Praxis Artistica di Perugia , Centro Tiglado 2 di Tarragona (Spagna), dal 1986  al 1992 è Socio fondatore - promotore dell’Associazione culturale per le arti visive Opera di Perugia.

Nel 1987 presso il CERP Centro Espositivo Rocca Paolina allestisce,  “Tra morfemi e cromie” mostra personale presentata in catalogo da un testo critico di Bruno Corà.   A partire dallo stesso anno espone in Germania, Francia, Spagna, Turchia, e con la preziosa collaborazione di Umit Inatci a Nicosia (Cipro).

Nel 1999 conosce l’artista Americano Gary Moeller, Direttore del Dipartimento Artistico della Rogers State University di Claremore (Oklahoma, U.S.A) con il quale inizia una strettissima collaborazione che nel marzo 2001 vedrà Carnevali invitato a realizzare una importante mostra in quella stessa Università e un’esperienza didattica con gli studenti del Dipartimento  artistico.

Nel 2008 il  6 Dicembre   la Provincia di Perugia, con la collaborazione della Regione Umbria, il patrocinio del Comune di Perugia e della Fondazione Accademia di Belle Arti di Perugia, per i suoi trentacinque anni di attività organizza e allestisce presso il Centro Espositivo della Rocca Paolina la mostra "Dinamismi modulari" dedicata a Giorgio Ascani "Nuvolo" che racchiude un'importante testimonianza di un ciclo significativo di produzione  della sua ricerca artistica. Il catalogo monografico è edito dellla Effefabbrieditore con  testo critico di Emidio de Albentiis.

Successivamente sempre a cura della Provincia di Perugia espone in Polonia nella città di Olsztyn al centro Wystaw Artystycznych e in Romania nella città di Bucarest al castello - museo di Mogosoaia curatore delle due mostre Paolo Nardon.

Nel  2009 ad agosto è chiamato da Sandro Tulli ad eseguire il bozzetto e successivamente la realizzazione di  “cullar l'amore “ opera per la suite  416 dell'Albornoz Palace Hotel di Spoleto ( Perugia ).

Nel 2012 a luglio, presso l'abbazia Benedettina di Montelabate Perugia, da un'idea sviluppata insieme al flautista Andrea Ceccomori e al contrabbassista Daniele Roccato, realizza l'evento "Risonanze"

Nel 2013, in continuazione con la stessa idea dell'evento Risonanze,   predispone e realizza  l' evento   "ARIA" presso l'aeroporto S.Francesco di Assisi di Perugia, dove l'artista installa, in posizione strategica nella sala arrivi dell'aeroporto,  l'opera sospesa "Universo al cubo".

Nel 2013,  a  ottobre, presso Arte Design Center della  Eastern Mediterranean University (EMU)  di Famagusta (Cipro),  presentata dal prof. Umit Inatci, allestisce la mostra "Carte inedite".

Nel 2014, il 2 novembre, a Castiglione Ugolino La Bruna Perugia, insieme al flautista Andrea Ceccomori e l'attrice Emanuela Faraglia, realizza l'evento "In Paradisum" .

Nel 2015, a maggio, a Spoleto in collaborazione con Il Palazzo Collicola Arti visive, allestisce la mostra  "Miracolati della rogna"; nello stesso anno il 2 novembre, continua la collaborazione con il flautista Andrea Ceccomori e l'attrice Emanuela Faraglia a cui si aggiunge il contrabbassista Giacomo Permatti, per  la presentazione dell'evento "Pietas che la terra ti sia lieve" presso   Morleschio Perugia.

Ha realizzato fra le altre cose:  manifesti, opere in ferro, illustrazioni per libri, scenografie teatrali e grandi dipinti parietali.

E' Accademico di merito  dell' Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia.

 

La sua attività artistica si svolge presso il laboratorio-officina  "Il Folle Volo" a  Pieve Pagliaccia frazione di Perugia - Italia -

Si sono interessati al suo lavoro, in occasione di presentazioni a mostre,
personali e collettive, con giudizi critici:

Aldo Capobianco, Gino Viziano, Renato Lamperini, Aldo Rosimini, Giorgio Guenzatti, Anna Rita Piazzai, Duccio Travaglia, Claudio Spinelli, Sergio Zanni, Paul Gouverner, Michel Hubert Martin, Ernst Weeber, Giorgio Smuraglia, Raul Endreas, Martin Gerner, Settimia Ricci, Giorgio Maradei, Massimo Duranti, Emidio De Albentiis, Giorgio Bonomi, Claudio Casorati, Domenico Coletti, Pasquale Rizzardi, Giorges Lillikas, Emil Cooler Holzer, Bruno Corà, Aldo Iori, Maria Ausilia Binda, Adolfo Orsini, Monica Rosati, Umit Inatçi, Pavel Machotka, Gary Moeller, Sara Scarabottini, Eniva Mungo, Antonio Carlo Ponti, Stella Carnevali, Paolo Nardon, Susanna Lemma, Alessandro Gamberi, Laura Sansovini. Andrea Baffoni.

Etichetta d'autore

Nel 2001 realizza per l'Azienda Benincasa di Marco  Alimenti l'etichetta del Rosso di Montefalco, prodotto DOC del territorio umbro.